VII° lettera ai Soci – dicembre 2018

Villa Pace - Tapogliano

Pavia di Udine 3 dicembre 2018
 
Carissimi Soci,
 
sono a voi con l’ultima lettera dell’anno anzitutto per farvi gli auguri per le prossime festività, ma anche per darvi le notizie dell’ultimo trimestre ed in particolare del lavoro iniziato con il consiglio eletto nell’Assemblea Annuale del 6 ottobre scorso.
 
Il 31 ottobre abbiamo fatto la prima riunione del nuovo consiglio nella quale abbiamo trattato i diversi temi da sviluppare nel prossimo anno in particolare:

1) la giornata di studio sulla legislazione e la fiscalità delle dimore storiche in programma per febbraio 2019 (sulla quale sto lavorando con il fondamentale aiuto del nuovo consigliere Francesco Lovaria delegato ai rapporti con la pubblica Amministrazione);

2) L’organizzazione del gruppo giovani A.D.S.I. FVG (del quale si occupano in particolare il consigliere Paolo Giasone Attems e Antonio del Torre figlio del nostro socio Avv. Carlo Del Torre);

3) Il viaggio annuale A.D.S.I. FVG che sarà fra le dimore della Normandia il 25/29 giugno 2019;

4) Le visite in regione (novità!)

5) La nostra partecipazione alla settimana della cultura friulana

6) La partecipazione, in parternariato, a progetti e bandi regionali (come il bando Leonardo)

7) Eventuali iniziative per la IX giornata di apertura A.D.S.I. che sarà domenica 19 maggio 2019
 
Il 17 novembre ho partecipato, invitata dal presidente Giacomo di Thiene, all’Assemblea di A.D.S.I. Veneto: è stato molto interessante anche perché con la Sezione abbiamo molti temi in comune ed anche analoghi gruppi politici al governo il che, al di là di ogni giudizio in merito, permette maggiori sinergie per eventuali nostri comuni progetti.
 
Il 21 novembre ho partecipato a Bologna all’ultimo consiglio nazionale del 2018. Il clima politico non è dei migliori per le dimore storiche soprattutto perché questo governo pare non uscire mai dalla propaganda preelettorale, ma il consueto gruppo di Lobbing (Strategic Advice) è stato riconfermato nell’incarico e continua a fare un buon lavoro presso il governo ed i diversi ministeri. Il lavoro di recruiting in sede nazionale viene oggi delegato ugualmente ad un’agenzia specializzata (Aragorn) perché troppo importante per essere lasciato alla sola buona volontà dei consigli regionali spesso non preparati e con tempo insufficiente per tale importante e difficile lavoro.
 
Vittorio Giulini presidente della Lombardia e rappresentante di A.D.S.I. Italia presso l’Associazione delle Dimore Storiche Europee (EHH) continua ad occuparsi attivamente del sito e del gruppo delle dimore storiche aperte per turismo: Il sito è stato rifatto e incomincia a diventare una vetrina d’eccellenza dell’ospitalità in villa in Italia. Quest’anno è stato rafforzato anche il rapporto con il Vinitaly per cui viene ulteriormente rafforzato lo speciale rapporto italian food and vine e italian way of life che inizia proprio dalle dimore ed i paesaggi di cui siamo i custodi.
 
Come già accennato in apertura per il prossimo anno – oltre ai temi fiscali, gestionali e lavorativi – abbiamo incominciato ad impostare anche alcuni impegni più francamente sociali e divertenti. S’è parlato ad esempio del viaggio annuale in per il 2019 – con il solito, ottimo, Pierre de Filippis sarà in Normandia (il Perigord è stato scartato per i collegamenti aerei troppo scomodi e lunghi per un viaggio di 5 giorni). Il periodo indicato dovrebbe essere dal 25 al 29 giugno perché nella prima metà c’è il 75° anniversario dello sbarco in Normandia e non si trova posto negli alberghi.
 
Vorremmo iniziare anche a proporre alcuni piccoli viaggi giornalieri nella nostra o in regioni limitrofe (Veneto, Emilia) per vedere realtà bellezze di altre dimore storiche. La prima proposta che vi faccio, grazie alla disponibilità del nostro nuovo consigliere Domenico Rossetti, è la visita al Museo Scaramangà d’ Altomonte che la famiglia Rossetti de Scander ha ereditato e gestisce in modo straordinario da anni. Se credete si potrebbe collegare la visita con un’altra attività a Trieste per completare il programma di una mezza giornata di trasferta.
 
Si potrebbe pensare anche ad un visita, sempre riservata ai soli soci o e loro amici, ad alcuni archivi famigliari, raccolte tematiche, case d’artista ecc guidati dai nostri soci che di qui beni sono i custodi. Resto in attesa di risentirvi anche su questo tema: disponibiità, orari, giorni possibili ecc.
 
Il ns socio e Consigliere Raffaele Perrotta continua ad occuparsi dei rapporti con il web ed assieme a lui, come s’è ribadito anche in consiglio, abbiamo pensato di delegare i rapporti con la stampa che tanto ci hanno fatto penare lo scorso anno ad un giornalista free lance (stiamo vagliando alcune candidature, al momento in pool-position la Dr. Anna Piuzzi che fa questo lavoro per la Curia e con la quale ho avuto modo di collaborare ultimamente per due mostre),non è possibile infatti che un tema così importante sia lasciato alla buona volontà ma anche alla scarsità di tempo dei diversi consiglieri.
 
La partecipazione a progetti Regionali o Interreg come capofila è bloccata finchè non viene chiarita la possibilità per le sezioni regionali di avere domiciliazione e C.F nelle regioni di appartenenza (forse ricorderete la domanda fatta dal consigliere Dr. Edorado Giacomuzzi-Moore al Presidente Nazionale durante l’assemblea in ottobre)
 
Con alcune associazioni culturali (Ass.Musicale S. Gaggia di Cividale; Ass. La Prora di Udine) stiamo studiando parternariati in progetti culturali regionali del 2019. (ad es. il progetto Leonardo dell’Assessorato Regionale alla Cultura). In questi progetti ADSI non avrà contributi non essendo capofila, né è passibile di perdite, unicamente diventa visibile la sua partecipazione (in genere messa a disposizione gratuita di spazi per esposizioni e concerti ) e fornisce maggior punteggio ai progetti in cui crede per la presenza di un maggior numero di partner.
 
Come avete letto nel sommario in apertura (punto2) finalmente stiamo costituendo anche il gruppo giovani A.D.S.I. FVG. Sapete tutti che il passaggio generazionale nella gestione delle dimore storiche è un momento cruciale cui i giovani debbono arrivare preparati. Per questo vi prego tutti di cooptare figli, nipoti, figli di amici, figliocci ecc nel progetto che Paolo Giasone e Antonio del Torre stanno portando avanti e che speriamo veder realizzato nel 2019.
 
Rinnovo a tutti voi i migliori auguri miei personali e di tutto il consiglio per un sereno Natale ed un felice 2019, restando come sempre a vostra disposizione per ogni richiesta e suggerimento
 
Il Presidente A.D.S.I. Friuli-Venezia Giulia
Teresa Perusini de Pace