L’A.D.S.I. Emilia-Romagna, costituita il 15 maggio del 1982, è stata fondata da Ippolito Bevilacqua Ariosti, che ha ricoperto la carica di primo presidente regionale fino al 1995 ed in contempo, dal 1990 al 1996, quella di coordinatore del gruppo giovani nazionale.

 

Nel corso degli anni si sono succedute le presidenze di:

Maria Teresa Paolucci Ferniani

Francesco Cavazza Isolani

 

Dal 26 novembre 2014 la presidenza  di sezione è affidata a Giovanni Facchinetti Pulazzini.

 

La sede regionale ha ospitato l’Assemblea dei Soci a Bologna nel 1995, nel 2010 e nel 2018.

 

In un minuscolo riquadro a fondo pagina di una rivista, l’allora primo presidente regionale, trovò il riferimento sull’A.D.S.I.; pensò che sicuramente poteva essere di aiuto a chi, come lui, si trovava a fronteggiare diversi problemi nella conservazione di un patrimonio importante, ma soprattutto nella valorizzazione che cominciava ad affacciarsi (per alcune dimore, ma sempre più numerose), come una stimolante opportunità.

 

L’A.D.S.I. Emilia-Romagna, divenendo un’associazione dei soci, come primo passo si fece conoscere dai proprietari individuando le loro esigenze principali. La proprietà di dimora storica, tramandata nel tempo, vuol dire impegno gravoso, nuove opportunità, ma ancora di più, saper cogliere i valori forti che vengono dal passato, per non finire fuori strada ed irrimediabilmente essere sorpassati dalla storia.

 

In merito alla crisi attuale e quindi alla gestione sempre più onerosa di questi beni, la sede regionale ritiene che oggi, come negli anni ’60, occorra resistere e che il compito dell’Associazione sia divenuto ancora più importante per difendere i pochi diritti acquisiti, indispensabili per la sopravvivenza degli edifici storici dei quali lo Stato o le Regioni non riuscirebbero a farsi carico.